Home / Europa / Il giro del mondo? Ecco quali sono le tratte più realistiche da seguire
giro del mondo

Il giro del mondo? Ecco quali sono le tratte più realistiche da seguire

by Greta

Alzi la mano chi non ha letto almeno una volta nella vita il romanzo “Il giro del mondo in 80 giorni”.
Ebbene, tornando alla memoria quanto scritto da questo tomo, è impossibile non lasciarsi affascinare da un viaggio che attraversa un po’ tutto il mondo.

Il blog del casinò online di Betway, però, si è fatto una domanda ancora più affascinante e interessante, ovvero come potrebbe essere il giro del mondo in 80 giorni con i percorsi e i mezzi attualmente presenti nella nostra società.

La rotta originale di Phileas Fogg

Phileas Fogg

Il romanzo scritto da Jules Verne, fin dal primo momento in cui è stato pubblicato, ovvero nel 1873, è diventato un vero e proprio simbolo in relazione ai romanzi d’avventura. Non solo, anche per tutti coloro che hanno la passione dei viaggi.
Non è un caso che questo libro abbia funzionato come vera e propria fonte di ispirazione per un gran numero di spedizioni in giro per il mondo.

Ebbene, nel romanzo, il protagonista Phileas Fogg ha circumnavigato la Terra in 80 giorni, volendo mantenere le promesse, ma soprattutto vincere una scommessa da ben 20 mila sterline.

Il viaggio intorno al mondo, in quel caso, venne portato a termine in 80 giorni, usando due mezzi di trasporto in modo particolare, ovvero il treno e il piroscafo.
La partenza, così come l’arrivo, sono stati fissati esattamente nel centro di Londra, la capitale inglese. Nonostante chiaramente buona parte dei percorsi che sono stati fatti in treno, nelle cartine reali non compaiano, ci sono diverse opportunità di realizzare una rotta simile usando altri mezzi di trasporto diffusi al giorno d’oggi.

Il giro del mondo usando l’auto

Al giorno d’oggi, ci sono tante autostrade che hanno consentito di collegare le principali città in tutto il mondo. Di conseguenza, viaggiare in auto è molto più semplice che in passato. Questo anche grazie ai navigatori che permettono di non perdersi come invece accadeva in passato, appena si usciva dai confini nazionali.

È chiaro che, per poter affrontare determinate tappe di questo incredibile viaggio, servirà prendere il traghetto piuttosto che l’aereo. Il percorso in auto, però, rappresenta il secondo sistema di viaggio più veloce, visto che offre la possibilità di percorrere la bellezza di 51379 chilometri in soli 23,5 giorni.

L’aereo, il mezzo più rapido

Al giorno d’oggi, l’aereo è uno dei mezzi per spostarsi più utilizzati in tutto il mondo. Viaggiare con questo mezzo è decisamente semplice, tranne nel caso in cui ci si deve muovere tra le singole città. Buona parte dei voli aerei che percorrono delle tratte particolarmente lunghe, ha bisogno di fermarsi per fare rifornimento di carburante. Ecco spiegato il motivo per cui risulta impossibile seguire alla perfezione la rotta originale di Phileas Fogg.

Il sistema di viaggio aereo si caratterizza, però, per essere ovviamente quello più rapido per completare il giro del mondo. Grazie all’aereo si possono percorrere qualcosa come 44720 chilometri solamente in 3,3 giorni.

L’opzione treno

treno a vapore

Phileas Fogg ha compiuto gran parte del suo viaggio direttamente in treno. Al giorno d’oggi, nella vita di tutti i giorni, diventa veramente complicato ripetere una simile impresa. Questo principalmente per via della carenza di una rete ferroviaria così completa e per gli sviluppi che sono attualmente in corso in determinate nazioni.

Per poter affrontare gli spostamenti nelle città in cui non esistono ancora adeguate infrastrutture per muoversi via treno, come ad esempio in Egitto piuttosto che in Bangladesh, è chiaro che si devono sfruttare mezzi di trasporto alternativi, come bus, aerei e traghetti.

Leave a Comment