Home / America / Stati Uniti / Guida ai Parchi della California: mappe e consigli
Yosemite Park

Guida ai Parchi della California: mappe e consigli

by Filippo

Il 2016 è un anno importante per i parchi statunitensi in quanto ricorre il 100° anniversario della fondazione del National Park Service (NPS): i rangers si vestono a festa e per ben 16 giorni (le prossime date sono 25-28 agosto, 24 settembre e 11 novembre) tutti gli ingressi nei parchi USA sono gratuiti!

La California senza dubbio è lo stato con i parchi nazionali più famosi (Yosemite, Joshua Tree, Giant Sequoia e la Death Valley), cui si aggiungono i monumenti nazionali naturali e i siti di interesse storico la maggior parte di essi visitabili con un itinerario on the road di 20 giorni in California da Los Angeles a San Francisco.

I Parchi Nazionali sono i siti di maggior interesse, assolutamente da non perdere durante la vostra prima visita in California!
Oltre alle foto che parlano da sole (e senza dubbio vi faranno dire “voglio vederli anch’io!”), questo post racchiude una serie di consigli utili per pianificare al meglio i vostri spostamenti.

Yosemite National Park

Il primo parco nazionale (fondato nel 1916) reso famoso in tutto il mondo (anche) dagli sfondi desktop delle ultime versioni dei sistemi operativi Macintosh, Yosemite [si pronuncia “iousèmiti”o “joʊˈsɛmɨtiː”] è il più amato dai turisti californiani (e asiatici).

Yosemite Park

Waterfall.yosemiti

Waterfall

Yosemite Valley

Yosemite Valley

Yosemite Park

Yosemite Park

Warning

half.dome

Half Dome

Distanze: l’ingresso del parco dista 4 ore da San Francisco o 45 minuti da Mammoth Lakes attraverso il Tioga Pass (chiuso in inverno). La Yosemite Valley, sul versante pacifico della Sierra Nevada, dista ancora circa 2 ore dal Tioga Pass o 30 minuti dall’ingresso sulla 140 (El Portal).

Dove dormire: in tenda o in camper all’interno del parco o nei piccoli (e costosi) lodge dello Yosemite Village (prenotando con largo anticipo), oppure all’esterno del parco a Merced (30 minuti) o Mammoth Lakes (2:45 ore) se avete in programma di proseguire verso la Death Valley.

Cosa vedere: i siti più importanti (El Capitain, Half Dome e le 4 maggiori cascate) sono visibili lungo la Yosemite ValleyMappaGlacier Point, da cui si gode la splendida vista sull’Half Dome, dista 1 ora di strada (solo andata) dalla valle, mentre le Toulomne Meadows, lungo la 120 per il Tioga Pass e Lee Vinning, sono delle verdeggianti paludi aperte ai visitatori solo in estate.

Come muoversi all’interno del parco: in auto o con un mezzo proprio è consigliabile. Molti backpackers si lanciano in autostop piuttosto che prendere gli autobus navetta (lenti e poco frequenti) che collegano i siti di maggior interesse. E  poi ci sono moltissimi sentieri (e ancor più orsi!)…

Servizi: 2 distributori (occhio alla benzina!) e due shop a fondo valle sono le uniche fonti di sostentamento per i vostri picnic immersi nella natura.

Costo: il pass valido 7 giorni costa 30$ per auto, pick up, caravan (indipendentemente dal numero di passeggeri), 20$ per moto, 15$ se si entra in  bici.

Pericoli: gli orsi sono numerosissimi e possono diventare aggressivi. Non accampatevi fuori dagli spazi preposti e fate molta attenzione a non lasciare cibo o spazzatura in auto o fuori dalla vostra tenda, ma riponeteli negli appositi contenitori marroni “bear-proof” del parco.

Death Valley NTL Park

California – deserto – Valle della morte.
Come si può perdere questo mitico parco dei record: il luogo più basso d’America (90 metri sotto il livello del mare) ed il più secco e caldo al mondo (58°C gradi!)?

death valley

Badwater Basin

Jumping on the Badwater Basin

Badwater Basin

Badwater Basin: -76 m slm

Artist's Palette

Artist’s Palette

DCIM111GOPRO

Zabriskie Point

SAMSUNG CSC

Mosquito Dunes

Distanze: il parco è abbastanza fuori mano al confine col Nevada, quindi più comodo a Las Vegas (2 ore) che alle altre metropoli della California. Arrivando da Yosemite e facendo tappa di pernottamento a Mammoth Lakes, meglio mettersi in viaggio presto perché ci vanno ancora 3:30-4 ore per raggiungerlo. Molti scelgono di fermarsi a Bishop (2h) cittadina pressoché deserta, o Mojave 2:30 ore (idem, le attrazioni scarseggiano) arrivando da Joshua Tree.

Dove dormire: all’interno del parco esiste un unico lodge (l’Inn è in ristrutturazione al momento) con park per caravan e servizi (shop, ristorante e distributore) a Furnace Creek.

Cosa vedere: i punti di interesse principali sono lungo la 190 (Mosquito Dunes, Zabriskie Point) che taglia da est a ovest i parco e a sud di questa, da Furnace Creek a Badwater (poi la strada è chiusa): Artists’ Drive, Devil’s Golf Course, Natural Bridge, Golden CanyonMappa.

Come muoversi all’interno del parco: esclusivamente con mezzo proprio.

Servizi: a Furnace Creek uno shop e un distributore, gli altri servizi sono agli ingressi del parco.

Costo: il pass valido 7 giorni costa 20$ per i veicoli o 10$ per motociclista/ciclista o trekker.

Pericoli: il GPS e il segnale GSM non si ricevono in molti punti del parco e seguire il navigatore può portarvi in sterrati non pattugliati e molto pericolosi. Munitevi di una mappa cartacea e di molta acqua: le temperature estive superano i 50 gradi e il clima è secco tanto da non accorgersi di sudare! Si consigliano almeno 3 litri d’acqua a testa al giorno e il serbatoio pieno. Altre info utili nella guida ufficiale del Parco.

Sequoia & Kings Canyon

Il Generale Sherman è l’albero dei Guinness, il più imponente al mondo, mentre il Kings Canyon, famoso in USA per i suoi colori, è poco conosciuto e frequentato dai turisti stranieri.

giant sequoia

general Grant

Generale Grant

general Grant

Generale Grant

giant sequoia giant sequoia giant sequoia

Distanze: 5h da San Francisco o Los Angeles, il Giant Sequoia è un po’ fuori mano e va considerato come una tappa intermedia del vostro itinerario nei parchi della California.

Dove dormire: 4 lodge all’interno del parco (2 aperti tutto l’anno) e numerosi campeggi da prenotare con largo anticipo (1-2 mesi) in estate. La città più vicina all’esterno del parco è Fresno (45 minuti), mentre Mojave sulla strada per la Death Valley dista 2:30 ore.

Cosa vedere: sequoie giganti a parte per lo più raggruppate nella Giant Forest, tra cui il Generale Sherman, e il Generale Grant (verso Fresno), il parco offre numerosi paesaggi naturalistici, laghi, fiumi e orridi raggiungibili a piedi. Per raggiungere il Kings Canyon ci vogliono altre 2 ore dal bivio della 198 percorrendo la 180 – Mappa.

Come muoversi all’interno del parco: con mezzo proprio lungo l’arco della 198 – la strada montana è piena di tornanti e per percorrerla tutta ci vogliono 3-4 ore, inoltre esiste un servizio di navette gratuite – la più frequente è quella che porta dal Giant Forest Museum al Generale Sherman (i parcheggi sono limitati e lontani).

Servizi: non ci sono distributori all’interno del parco: ricordatevi di fare il pieno (e magari anche la spesa per un picnic!) appena fuori dagli accessi.

Costo: il pass valido 7 giorni costa 30$ per le auto e camper oppure 15$ per l’ingresso individuale.

Pericoli: oltre agli orsi, le strade di montagna sono strette e piene di tornanti. Rispettate i limiti e la segnaletica e prestate molta attenzione al pericolo di incendi!

Joshua Tree NTL Park

Il parco che ha anche ispirato un album degli U2 (“…ecco dove l’avevo già sentito questo nome!”) è il più giovane dei parchi nazionali della California (dal 1994) ma tra i più fotografati. Gli alberi di yucca e i cactus si stagliano su un deserto roccioso in cui il magma vulcanico ha creato paesaggi e rocce dalle forme davvero bizzarre.

17679565509_f76f22b5d0_b

La Heart Rock è una delle rocce più fotografate al mondo

La Heart Rock è una delle rocce più fotografate al mondo

La Horror Hall a Sheep Pass

La Horror Hall a Sheep Pass

joshua-trees-1075706_960_720

Distanze: 2 ore da Los Angeles, 2:30 da San Diego e 3 ore da Las Vegas prendendo la deviazione sulla 62 nei pressi di Palm Springs dalla I-10.

Dove dormire: il parco si raggiunge in giornata da Los Angeles, ma se volete godervi l’alba o il tramonto i momenti migliori per le vostre foto, potete soggiornare a Palm Springs. Non ci sono hotel nel parco, solo alcuni campeggi che vanno prenotati con anticipo.

Cosa vedere: fatta eccezione per l’Indian Cove (un’altra deviazione lungo la 62), i luoghi di interesse (Quail Spring, Hidden Valley, Sheep Pass e la Hall of Horrors, Jumbo Rocks, Cholla Cactus Garden e Cottonwood SpringsMappa) sono lungo la Park Blvd che parte dalla West Entrance Station e termina sulla I-10 nei pressi di Indio. Per i più esperti ci sono altri percorsi sterrati in direzione sud-ovest che terminano anch’essi sulla I-10.
Come muoversi all’interno del parco: con mezzo autonomo (auto, moto, camper) o a cavallo. Le biciclette non possono uscire dai percorsi segnati.

Servizi: nessuno shop né distributori di benzina, solo aree picnic (con wc) e campeggi.

Costo: il pass valido 7 giorni costa 20$ per veicolo o 10$ per singolo ingresso (a piedi, in moto o in bicicletta).

Pericoli: attenzione alla flora (i cactus e alcuni arbusti hanno spine lunghissime!) e alla fauna (le tartarughe possono trovarsi in mezzo alla strada, crotali, scorpioni e vedove nere sono nascosti nella vegetazione). Non entrate nei tunnel delle miniere e attenzione al sole cocente e ai colpi di calore: procuratevi almeno 3 litri d’acqua a testa al giorno.

Potrebbe interessarti:

Leave a Comment