Home / Pink Packer / Guida ai trekking sui sentieri del Lago d’Orta
lago d'Orta

Guida ai trekking sui sentieri del Lago d’Orta

by Federica Beretta

Ci sono posti vicino a casa che rimangono spesso inesplorati e invece custodiscono sentieri per trekking e camminate stupendi. Sui colli e le montagne intorno al Lago d’Orta, ne ho percorsi un paio che mi sono piaciuti parecchio e ve li descrivo qui.

Io li identifico con l’hashtag  #vicinoacasamia voi fateci un pensierino per un weekend fuori porta sul Lago d’Orta. E’ l’anno dei cammini, il mio augurio è di cercare davvero di vivere la natura con lentezza.

Il bellissimo lago d'Orta che si costeggia a inizio e fine trekking

Il bellissimo lago d’Orta che si costeggia a inizio e fine di questi trekking piemontesi

Il sentiero della Torre di Buccione

PARTENZA: San Maurizio d’Opaglio (NO) – lungolago in località Pascolo.
TEMPI DI PERCORRENZA: 50 minuti circa.
PERCORSO: sentiero e asfalto.
CALZATURA CONSIGLIATA: scarpa da trekking. Sconsiglio i sandali specialmente per il tratto del Parco della Torre.
PLUS: la vista sul Lago d’Orta e l’Isola di San Giulio.

La torre vista dal basso, un pinnacolo molto alto di una fortezza che non c'è più

La torre vista dal basso, un pinnacolo molto alto e io piccolina

Questo sentiero è semplice, relativamente breve e adatto alle famiglie con bambini. Si parte da San Maurizio d’Opaglio, zona Pascolo, dove è possibile anche fare il bagno al lago. Si percorre a piedi il tratto di sentiero chiamato Girolago in direzione Lido di Gozzano. Il tratto iniziale, tra i canneti della sponda sud del Lago d’Orta , è ombreggiato.

Il sentiero è per gran parte semplice e ombreggiato. L'inizio è in piano e costeggia il lago

Il sentiero è per gran parte semplice e ombreggiato. L’inizio è in piano e costeggia il lago

Ci sono aree di sosta con tavolini per il picnic, piccole spiagge libere, passaggi boschivi pianeggianti che rendono il percorso più simile a una passeggiata che a un trekking dei miei come quello in Provenza. Arrivati al Lido di Gozzano si segue per Torre di Buccione e si inizia a salire lungo un sentiero non troppo ripido e che termina, poche centinaia di metri dopo, sulla strada asfaltata da attraversare con cautela.

All'ingresso del Parco della Torre di Buccione si è in area protetta e inizia la salita

All’ingresso del Parco della Torre di Buccione si è in area protetta e si inizia la salita

Proseguendo in direzione Mottarone, sempre su asfalto, dopo qualche tornante si incontra l’indicazione della Riserva Naturale Speciale del Colle della Torre di Buccione. Di nuovo su sterrato, in totale sicurezza, si sale fino alla vetta del colle, al cospetto della Torre che dal lago sembra piccolina ma da quassù è un vero e proprio mastio fortificato.

Panorami che solo le montagne intorno al lago d'Orta sanno regalare

Panorami che le montagne intorno al lago d’Orta sanno regalare: cielo e lago un tutt’uno

L’accesso all’interno delle mura del vecchio castello è limitato da segnali che specificano che l’ingresso è a proprio rischio e pericolo. Io ho scelto di rischiare. L’erba era alta, la Torre comunque chiusa ma la vista lago pazzesca!

Vista sulla sponda sud, dove il lago si fa più grande e i colli più dolci

Vista sulla sponda sud, dove il lago si fa più grande e i colli più dolci

L’Alpe del Barba e il Mottarone

PARTENZA: Omegna (VB).
TEMPI DI PERCORRENZA: 6 ore circa (15 km con dislivelli complessivi notevoli oltre i 1000 metri).
PERCORSO: sentiero e asfalto.
CALZATURA CONSIGLIATA: scarpa da trekking impermeabile imperativamente.
PLUS: la vista panoramica che domina la città di Omegna e il lago d’Orta.

Vista panoramica sul lago d’Orta dall’Alpe del Barba, sopra la città di Omegna

Esattamente dall’altra parte del Lago d’Orta rispetto alla salita alla Torre di Buccione, si trova Omegna. E’ la cittadina più grande del lago e ospita un Festival Pirotecnico Internazionale che si svolge ogni anno alla fine del mese di agosto.

Località Tre Alberi, un trivio importante per il Mottarone, per Agrano o rientro immediato alla base

Località Tre Alberi, qui si imbocca per il Mottarone, per Agrano o il rientro immediato a Omegna

Ma veniamo al trekking circolare fino all’Alpe del Barba, alla località Tre Alberi e al rientro da Agrano. Questo è più tecnico e impegnativo del precedente.

Dal Cinema Sociale di Omegna inizia il sentiero, molto ben segnalato dai cartelli del CAI, che sale al Mottarone. E’ questa la via da seguire, prima su asfalto e poi su sterrato, per arrampicare sulle pendici di questa montagna ben nota ai novaresi. Giunti all’Alpe del Barba lo spiazzo erboso invita a una sosta. Qui una fontana promette longevità e giovinezza e la vista sul Lago d’Orta e la catena alpina del Monte Rosa è davvero unica.

All'Alpe del Barba, una fontana promette giovinezza

All’Alpe del Barba, una fontana promette giovinezza

Si prosegue prima su erba, poi guadando un torrente, e infine salendo ripidi fino alla località Tre Alberi a circa 850 m s.l.m. Qui ci si trova a un bivio: chi desidera arrivare alla vetta del Mottarone prosegue in salita secondo indicazioni del CAI. Il mio trekking invece prosegue per boschi che spianano e poi scendono al paesino di Agrano; a tratti questa zona mi ricorda i passaggi della Via di San Francesco in Umbria.

Un susseguirsi di salite, boschi, slarghi, prati erbosi e ruscelli. Questo è trekking!

Un susseguirsi di salite, boschi, slarghi, prati erbosi e ruscelli. Questo è trekking qui!

Le indicazioni sono chiare e poi ho con me la guida dal titolo “Trekking sul lago d’Orta – 20 passeggiate ed escursioni per tutti”. Il testo è curato da Fabio Valeggia, esperto del territorio e scrittore preciso ed esaustivo. Mi sento al sicuro anche nell’andare per sentieri da sola: so di non potermi perdere lassù con la sua guida in mano.

In salita un torrente, che qui pare un ruscello ma non lo è, richiede un guado facile

In salita un torrente, che qui pare un ruscello ma non lo è, richiede un guado facile

Da Agrano si scende fino alla ferrovia, la si costeggia su asfalto fino a ritrovarsi a Omegna, si prosegue fino al centro senza perdere di vista le rotaie e ci si ritrova al punto di partenza con facilità. I km su asfalto dopo tre ore piene di trekking mi sembrano lunghi, sono almeno 6 km e sotto il sole sembrano molti di più. Consiglio di portarsi molta acqua e del cibo, soprattutto d’estate. Zone di sosta non mancano, ma i rifornimenti sono possibili solo all’Alpe del Barba e al paesino di Agrano a due ore di cammino l’uno dall’altro.

Un passaggio erboso, piano e rilassante al rientro in direzione Omegna

Un passaggio erboso, piano e rilassante al rientro in direzione Omegna

Alla fine di ogni trekking la soddisfazione, per il corpo che risponde bene e per le viste delle quali solo chi cammina può godere, è sempre grande.

Satisfied.

Satisfaction!

Potrebbe interessarti:

Leave a Comment