Home / Europa / Grecia / Itinerario di 4 giorni a Creta
Spiaggia rosa di Elafonisi

Itinerario di 4 giorni a Creta

by Greta

Creta è una meta storica per il turismo italiano ma grazie al blog tour #CretaSegreta, organizzato da Volagratis e dall’Ente per il Turismo Ellenico, ho potuto scoprire, oltre ai grandi must, anche qualche chicca nascosta sulla mitologica isola del Minotauro.

Allora tenete ben saldo il capo del filo di Arianna e seguitemi in un sorprendente itinerario di 4 giorni che attraversa l’intera Creta!

Giorno 1.

Chania porto

Il porto di Chania

Partenza da Milano Malpensa con un volo Aegean Airlines (con scalo ad Atene oppure diretto da giugno a settembre) con destinazione Chania, la seconda città dell’isola.
Visita di Chania e delle sue botteghe artigianali che aprono solo dal tardo pomeriggio. Aperitivo al tramonto sul molo con vista del più antico faro ancora in funzione di tutta Europa.

Giorno 2.

Sveglia all’alba per raggiungere le Gole di Samaria. Coi loro 18 km dalla montagna al mare del sud sono le gole più lunghe in Europa. Un trekking di 5/6 ore decisamente impegnativo che si conclude prendendo un traghetto fino a Sfakia per poi rientrare a Chania con circa 3 ore di bus.

Old town di Chania

Old town di Chania

Se preferite qualcosa di più soft, è perfetta una visita guidata della città di Chania. Stavros, guida esperta, potrà accompagnarvi alla scoperta dei quartieri ricchi di storia e di graziosi locali tipici. Enormi bouganville, piccole chiese e l’agorà dove acquistare souvenir, olio e olive sono tappe imperdibili!

Spiaggia rosa di Elafonisi

La spiaggia rosa di Elafonisi

Nel pomeriggio, con poco più di 2 ore di strada, potrete rilassarvi alla magnifica spiaggia rosa di Elafonisi. I coralli che approdano sul bagnasciuga donano riflessi rossi e rosati alla spiaggia e l’acqua cristallina renderà questo luogo una delle spiagge più belle che abbiate mai visto. Mare a destra e mare a sinistra, tanto vento e kite surfers. Un paradiso!

Giorno 3.

Abdou

Abdou

Con 3 ore di strada raggiungiamo la municipalità di Hersonissos con una prima sosta al paesino di Abdou dove il tempo pare essersi fermato.
Ogni edificio espone all’esterno una targa in metallo che rappresenta la l’antica professione che veniva svolta dentro quelle mura. Gatti, gerani e vecchietti che chiacchierano all’ombra con una sigaretta in mano.

Cooking class greca

Cooking class a Krasi

A pochi passi troviamo Krasi e sotto il suo mitologico platano di 2000 anni frequentiamo una divertente cooking class che ci svela molti segreti della cucina tradizionale greca. Imparo a cucinare con le mie mani degli ottimi dolmadakia, gli involtini in foglia di vite di cui vi rivelerò presto la ricetta.

Dikteon Cave

A mezzora da Krasi, una ripida “passeggiata” ci conduce al magnifico Dikteon Andron, la profonda grotta dove si dice sia nato Zeus. Avrete davanti agli occhi uno spettacolo incantevole. Una lunga scalinata vi condurrà nel cuore della grotta, avvolti da enormi stalagmiti e stalattiti gocciolanti.

Malia

Malia

Un piccolo aperitivo nel borgo di Malia è quel che vuole per concludere il pomeriggio. Gerani, fiori e localini shabby-chic sono piccoli gioielli tipici delle isole greche che amo così tanto.

Giorno 4.

Spinalonga

L’isola di Spinalonga

Una mattinata di riposo per godersi la spiaggia di Agios Nicholaos? Eh sì, ci sta proprio bene!
Ma poi concludiamo la mattinata in visita all’isola di Spinalonga dove troviamo i resti di un lebbrosario del 1700 con una storia molto curiosa.
L’acqua ha sempre un colore incantevole e raggiungere la piccola isola in barca è proprio la ciliegina sulla torta.

Palazzo di Knossos

Il Palazzo di Knossos

Un pranzo in riva al mare alla Taverna Spinalonga, shopping di olio e olive al famoso frantoio Vassilakis e poi siamo pronti per la visita guidata al mitologico palazzo di Knossos.
Storia e mito si fondono insieme tra queste rovine in parte discutibilmente ricostruite con cemento armato un centinaio di anni fa.

Ammoudi Cafè

Serata mondana all’Ammoudi Cafè

Le ultime ore del viaggio le trascorriamo con una serata mondana in una sfavillante Agios Nicholaos by night. Locali con musica accattivante, gente che si diverte e freschissimi cocktails a fiumi.
Siamo ospiti prima dell’Ammoudi con spiaggia privata e comodissimi dondoli sulla sabbia, poi del Bajamar Club affacciato sulla baia della città dove si può fare festa fino a tarda ora!

Giorno 5.

Agios Nicholaos

Agios Nicholaos

Beh, il quinto giorno non è stato considerato nell’itinerario in quanto, purtroppo, da Agios Nicholaos ci rechiamo in aeroporto ad Hiraklion già la mattina presto, senza poter organizzare nuove tappe o nuove visite.

[divider]

Dove dormire a Creta

Santa Marina Beach

Santa Marina Beach

Per le prime due notti nei dintorni di Chania consiglio l’hotel Santa Marina Beach dove potrete godere di spazi comuni davvero comodi e lussuosi. Un magnifico giardino molto curato e ombreggiato vi conduce direttamente alla spiaggia riservata e attrezzata.
Ottimo ristorante a buffet.
Le camere sono abbastanza spartane forse non al livello delle 4 stelle ma funzionali. Richiedete una camera nel corpo centrale delle reception altrimenti sarete al di là della strada con atmosfera e wifi molto attenuati ma una bellissima piscina.

Candia Park Village

Piscina del Candia Park Village

Per le due notti ad Agios Nicholaos consiglio il Candia Park Village, un bellissimo resort 4 stelle con ampi appartamentini (con cucina, terrazzo o patio) in palazzine immerse nel verde.
Buffet straordinario e serate con piano bar. Spa, piscina, spiaggia riservata e attrezzata. Ideale per famiglie.

Potrebbe interessarti:

4 comments

goodnightandtravelwell 30/05/2015 - 13:26

Mi piace davvero tantissimo lo scorcio che avete fotografato all’inizio del giorno 3. Mi ci vedrei proprio bene lì! 😛

Reply
Greta 30/05/2015 - 15:22

Grazie 🙂

Reply
Franz 28/05/2015 - 20:17

ciao
saremo a creta per una settimana in luglio. Vorrei info sul trekking alle gole di Samaria. E’ molto faticoso ?
Vale la pena farlo ? Si può fare in bicicletta ?
Grazie e complimenti per il blog

Reply
Greta 28/05/2015 - 21:49

Grazie per i complimenti. Noi non abbiamo potuto affrontare il trekking perchè, a seguito di un forte temporale della serata precedente, un crollo ha ostruito parte del tragitto. Mi raccomando: informatevi bene prima di arrivarci sulla sua agibilità.
Non è assolutamente percorribile in bicicletta, anzi, anche a piedi è abbastanza impegnativo. Calcolate 5/7 ore a seconda del vostro ritmo e partite la mattina presto per evitare caldo e ressa di turisti. Buon viaggio!

Reply

Leave a Comment