Home / Europa / L’Isola del Giglio nascosta: sentieri di trekking immersi nella natura
isola del Giglio

L’Isola del Giglio nascosta: sentieri di trekking immersi nella natura

by Greta

Scopri un territorio ancora incontaminato

L’Isola del Giglio è una realtà ben conosciuta a molti per i recenti fatti di cronaca, ed apprezzata nella quasi totalità dei casi per le sue splendide spiagge e calette. Esiste, però, una parte più nascosta di questa Isola che merita di essere scoperta, ed è quella rappresentata dalla lunga rete di percorsi e sentieri nella quale avventurarsi per attività di trekking.

L’Isola del Giglio presenta un territorio pressochè incontaminato, ad eccezione dei tre principali paesi, Giglio Castello, Giglio Campese e Giglio Porto, zona di attracco per navi e imbarcazioni (per il vostro soggiorno, vi consigliamo di sfruttare uno tra gli appartamenti in affitto presenti al Giglio e situati a ridosso di questi paesi, che vi permetteranno di muovervi con autonomia e facilità).

Se desiderate addentrarvi nella parte interna dell’Isola, scoprirete un territorio lontano dai rumori del turismo estivo, immerso nella macchia mediterranea, con i suoi colori e profumi.

La lunga rete di sentieri che caratterizza l’Isola, vi permetterà di raggiungere spiagge e calette poco frequentate, luoghi di assoluta bellezza nella quale concedersi un piccolo momento di intimità.

La sentieristica dell’Isola del Giglio si è sviluppata nel corso degli anni per fattori di necessità.
I percorsi sono delle vere e proprie mulattiere, ossia strade rurali ideate per portare il bestiame, ed utili anche ai contadini per raggiungere i campi da coltivare; fino a non molti anni fa non era stata costruita una vera e propria strada statale, quindi non si aveva la possibilità di percorrere l’isola in modo differente.

La realizzazione di quest’ultima è stata fondamentale per lo sviluppo del turismo di massa al Giglio, garantendo un modo sicuro per la percorrenza delle auto; di contro si è, però, contribuito a far cadere in disuso i sentieri.

Fortunatamente negli ultimi anni l’arrivo di fondi europei ha permesso il recupero di gran parte di questi percorsi, che oggi sono facilmente visitabili grazie anche alla rinnovata segnaletica e all’utilizzo di pannelli didattici che spiegano quale tipo di vegetazione o animali è possibile trovare in quella zona.

Se desiderate visitare l’Isola del Giglio a piedi, vi consigliamo di sfruttare soprattutto il periodo primaverile e autunnale, nel quale si hanno delle temperature ideali e il territorio sprigiona un’abbondanza di colori e profumi.

Qualora vi troviate al Giglio per le vostre vacanze estive, vi raccomandiamo di portare con voi molta acqua e di munirvi di calzature robuste, in quanto alcuni percorsi risultano essere accidentati (in ogni caso non stiamo parlando di altezze importanti, in quanto non si arriva mai a superare i 500 m.s.l).

Alcuni percorsi consigliati per visitare l’Isola del Giglio

Non sono pochi i sentieri che possono essere utilizzati per attività di trekking ed escursioni. Per non lasciarvi con il dubbio ve ne citiamo alcuni che sono particolarmente conosciuti e che vi permetteranno di ammirare differenti aree dell’Isola.

isola del Giglio

Faraglione di Campese

  • Un primo percorso ha come punto di partenza Giglio Campese, e non ha una durata particolarmente lunga (circa 1 ora se consideriamo andata e ritorno insieme); arriverete al termine al Faraglione, un picco roccioso la cui parte superiore tende ad incurvarsi verso la costa.
    Potrete vedere lungo il percorso dei panorami splendidi, non facilmente visibili percorrendo le classiche strade.

 

  • Sempre partendo da Giglio Campese vi consigliamo di dirigervi anche verso la cosiddetta Cala dell’Allume, facilmente raggiungibile in 30 minuti, ma il cui ritorno prevede una salita abbastanza ripida.
    La cala presenta un fondale basso, solitamente riparato dai venti.
    Ricca è la presenza di materiali ferrosi, considerando che nei pressi della cala si trovava una vecchia miniera. Vi sarà possibile, così, trovare anche piccoli frammenti di pirite.

 

  • Se desiderate partire dalla zona di Giglio Porto, vi consigliamo di percorrere il sentiero che vi porterà fino alla Spiaggia delle Caldane, con la possibilità di passare anche per la Spiaggia delle Cannelle.
    Si tratta di due delle più famose spiagge presenti al Giglio, quindi è d’obbligo una visita a questa zona.
    Il tragitto è particolarmente semplice e adatto a tutti, in 45 minuti circa si può arrivare e tornare indietro.
isola del Giglio

Faro punta di Capel Rosso

  • Un punto che assolutamente non potete perdere è rappresentato da Giglio Castello, paese di origini medievali e conosciuto soprattutto per la presenza della Rocca Aldobrandesca.
    I vicoletti di questo paese sono assolutamente incantevoli e da lì si può arrivare fino a un punto panoramico situato sopra le mura, dal quale potrete vedere un panorama molto ampio dell’Isola.
    Partendo dal Castello si ha la possibilità di arrivare fino alla Punta di Capel Rosso, seguendo un percorso non certamente breve (6 km circa, con durata di percorrenza stimata pari ad oltre 2 ore).
    Una volta arrivati vi troverete di fronte ad un faro, facilmente riconoscibile per le sue righe bianco e rosse.

Potrebbe interessarti:

Leave a Comment