Home / Africa / Kenya / Viaggio in Kenya: emozioni che solo il continente africano può regalare
Kenya

Viaggio in Kenya: emozioni che solo il continente africano può regalare

by Greta

Scegliere una meta con cui iniziare un viaggio in Kenya è impresa davvero ardua, considerando la varietà e la quantità di meraviglie che il Paese africano mette a disposizione dei turisti.
Tra queste c’è senza alcun dubbio la foresta di Karura, che offre uno spettacolo impossibile da rendere a parole, anche per il suo carattere incontaminato.
Nella vegetazione più fitta vivono oltre 200 specie differenti di uccelli: il paradiso per gli amanti del bird watching.
La presenza di acqua è visibile non solo per le paludi, ma anche per le cascate e i torrenti che si susseguono l’uno dopo l’altro.

La peculiarità di questo luogo, però, è che le acque diventano di colore arancione nel corso della stagione delle piogge. Che si abbia voglia di una lunga camminata o che si preferisca dedicarsi alla mountain bike, ci sono più di 50 chilometri di sentieri a disposizione.

Kenya

La spiaggia di Watamu richiede una menzione speciale: isolata e al tempo stesso facile da raggiungere, protetta dalla vegetazione che la circonda e caratterizzata da una sabbia così bianca da ricordare le nuvole del paradiso, si presenta come un litorale selvaggio.
Tante le baie che si alternano, bagnate dalle acque azzurre del mare. Chi si diverte con le immersioni può trovare pane per i propri denti da queste parti.

Kenya

Non c’è solo Karura tra le foreste che meritano di essere scoperte e visitate in Kenya: forse addirittura più intrigante è quella di Mida Creek, a sua volta situata nel territorio di Watamu.
Si tratta di una foresta di mangrovie inserita nello splendido scenario del Parco Nazionale Arabuko Sokoke, a circa un centinaio di chilometri di distanza da Mombasa.
L’ambiente paludoso, tipico delle foreste di mangrovie, regala uno straordinario assortimento di colori e di giochi cromatici quando tramonta il sole. Le escursioni organizzate si svolgono a bordo di una canoa, con il supporto di esperti locali.

Kenya

Il turismo balneare trova un’altra meta degna di interesse nella spiaggia di Diani, perfetta per chi vuole prendere il sole nella quiete più completa. Il litorale è libero ed è situato a sud di Mombasa, a una trentina di chilometri dalla città.
Quando ci si stanca del sole, si può trovare l’ombra di cui si ha bisogno sotto le foglie delle palme.

Kenya

Il Masai Mara è il parco naturale più bello di tutto il Paese: questa riserva nazionale deve il proprio nome al Mara, che è il corso d’acqua che lo attraversa, e alla popolazione dei Masai, che la abitavano un tempo.
La riserva si estende su una superficie di più di 1.500 chilometri quadrati, e tanto basta per capire che un giorno solo non è sufficiente per visitarla tutta.

Vale la pena, però, di dedicare un bel po’ di tempo a questo ambiente, magari nell’ambito di un safari organizzato che permetta di ammirare da vicino le antilopi e le zebre, ma anche gli gnu e le gazzelle, senza dimenticare i leoni e le giraffe. Chi lo desidera può prenotare anche una visita in mongolfiera, per osservare dall’alto la contea di Narok e la natura del parco nazionale del Serengeti, che però non è in Kenya ma nella confinante Tanzania.

Kenya

Se si è in cerca di un resort di prestigio in cui soggiornare durante un viaggio in Kenya, la soluzione migliore è Blue Bay, la proposta di iGV Club che si trova nel contesto suggestivo e magnetico del parco marino di Watamu.
Tanti i comfort e i servizi a disposizione, con numerose opzioni tra cui scegliere: una nuotata in piscina o una passeggiata nel corso di un safari, per esempio.
Il resort si trova a poco più di 20 chilometri dalla città di Malindi e a un paio di chilometri dal villaggio di Watamu, mentre dista solo due ore dall’aeroporto di Mombasa.

Potrebbe interessarti:

Leave a Comment