Home / Esperienze di viaggio / Come organizzare un viaggio fai-da-te nelle Filippine

Come organizzare un viaggio fai-da-te nelle Filippine

Le Filippine sono una meta insolita e ancora poco conosciuta al turista italiano. Reperire informazioni su come organizzare un viaggio zaino in spalla senza affidarsi ai tour organizzati è ancora piuttosto difficile. Sicuramente si possono leggere guide e blog, soprattutto stranieri, e comunque non sono così tanti, ma filtrare  le informazioni e personalizzare il proprio viaggio è tutt’altro che semplice.

Baia di Sabang, punto di partenza per l’Underground River patrimonio UNESCO

Io ho viaggiato due settimane nelle Filippine zaino in spalla toccando quattro isole e mantenendo un budget low cost. Ecco come fare.

Scegliere i voli per le Filippine

Ho scelto di volare con Oman Air su Manila da Milano perchè molto economico e con scalo breve. Trovarlo sui 350 euro a/r non è impossibile, basta organizzarsi in anticipo.

Raggiunta Manila, si può rimanere sull’isola di Luzon tra risaie, laghi e vulcani. Oppure ci si può spostare su altre isole dell’arcipelago. Molte sono le compagnie low cost che collegano le isole tra cui: Cebu Pacific, Air Asia, Philippine Airlines, PAL Express, Air Swift.

Gli arrivi internazionali sono al Terminal 1, tutti gli altri voli sono gestiti dai restanti tre Terminal del grande aeroporto NAIA. Ogni terminal è collegato con bus a partenza non troppo frequente: meno di uno all’ora.

I Chocolate Hills, colline morbide e maggiore attrazione a Bohol

Visto e tasse per le Filippine

Non è necessario alcun visto per entrare nelle Filippine da turisti e rimanerci meno di 30 giorni. Si aggiungerà un nuovo timbo al vostro passaporto e via libera all’ingresso nel paese. Contrariamente a quanto si legge in giro, all’uscita non è più richiesto il pagamento di alcuna tassa aeroportuale di uscita. Qualunque extra fee viene ormai aggiunta alle tasse sui voli aerei, direttamente.

Nella foresta di Bohol, immersi nel verde delle Chocolate Hills, fiumi e cascate

Vaccinazioni e accortezze

Quando si parte per Paesi a rischio è sempre bene consultare l’Asl per consigli sulle vaccinazioni cui sottoporsi. Le Filippine non fanno eccezione. Le condizioni di potabilità dell’acqua sono quasi sempre scarse, i cani randagi si incontrano ovunque, la malaria è ancora presente in alcune isole tra cui Palawan.

Scoperte girando in scooter, le Pangas Falls sono bellissime e fuori rotta turistica

Valuta, prelevamenti e ATM nelle Filippine

Nelle Filippine la moneta corrente è il Peso la cui sigla è PHP (Philippines Peso).
Il cambio attuale (giugno 2017) è di circa 55 PHP per 1 Euro.
Considerando che una birra in bottiglia costa tra i 30 e i 40 PHP, un pasto completo in un ristorante lungo la strada circa 100 PHP, 600 PHP un transfer di 5 ore in van con aria condizionata, possiamo dire che le Filippine sono una meta economica.

La reperibilità degli ATM è piuttosto limitata e spesso rimangono sprovvisti di denaro. Si trovano nelle principali città e in alcuni aeroporti: ci sono a Manila, all’aeroporto Lapu Lapu di Cebu, a Puerto Princesa in città, a El Nido (dove spesso sono out of service).

Al contrario,  sono moltissimi gli uffici per il cambio. E’ però necessario stare attenti ai controvalori esposti: all’aeroporto di Cebu, ad esempio,  li ho trovati molto svantaggiosi. In banca a Puerto Princesa erano allineati a quelli trovati in aeroporto a Manila. Insomma, bisogna farci l’occhio.

Il trekking alle Kawasan Falls permette viste incredibili a picco sopra le cascate

Come prenotare gli alloggi

Io mi sono avvalsa quasi esclusivamente di booking.com che offre hotel, appartamenti, guest house. C’è molta varietà di scelta, quindi lo consiglio.

Per quanto riguarda le guest house e gli ostelli, spesso è più conveniente prenotare una sola notte e poi valutare se fermarsi o cambiare in base all’offerta in loco. Talvolta, infatti, i piccoli ostelli non si trovano su internet ma meritano un sopralluogo: a Puerto Princesa, ad esempio nei dintorni del nostro ce n’erano almeno cinque pubblicizzati lungo la strada.

All’estremo nord di Palawan, il paradiso in terra si chiama El Nido

Come muoversi nelle Filippine: prenotare i mezzi

Il mezzo più agile e anche economico è senza dubbio il motorino. E’ facile guidare sulle strade fuori città e nei piccoli villaggi così come per le strade di campagna. Spesso l’affitto per un’intera giornata è più conveniente di due corse in trycicle. Lo consiglio a Bohol, Cebu, El Nido e si può prenotare facilmente presso le strutture ricettive o nei RENT A BIKE nelle località più turistiche.

Una valida alternativa cittadina è il trycicle che consente trasporti privati e diretti alla destinazione. Il mezzo che ho preferito su tutti è, però, il jeepney: un mini bus coloratissimo che collega piccoli centri e zone urbane, costa pochi pesos a seconda della distanza percorsa, consente il contatto con la gente del luogo e mi ha tanto ricordato i matatu africani.

Muoversi tra le isole è semplice: moltissimi sono i voli interni low cost e numerosi sono anche i traghetti. In entrambi i casi, viste le lunghe code ai check in o ai desk per l’acquisto biglietti, andate ai terminal e ai porti con molto anticipo.

Consiglio di prenotare i voli direttamente online e di fare il checkin prima di andare in aeroporto per poter meglio programmare il viaggio e risparmiare tempo.
L’unica compagnia che mi ha creato disagi dovuti a un ritardo di qualche ora è stata Cebu Pacific ma potrebbe essere stato un caso che preferisco comunque segnalare. Il collegamento Cebu-Palawan viene spesso proposto con volo con scalo a Manila, in realtà esiste un diretto di Philippine Airlines che è comodissimo e spesso non compare sui motori di ricerca voli.

Per quanto riguarda i traghetti, io ho prenotato direttamente al porto, ma in questo modo non ho potuto evitare attese e mi sono accontentata dei collegamenti disponibili al momento. Le agenzie turistiche locali possono certamente consigliare e vendere i biglietti con anticipo e anche aggiornare i viaggiatori qualora cambiassero gli orari di viaggio, cosa frequente.

Se spostarsi in bus è l’obiettivo, andate direttamente alle stazioni dei bus: ogni città ne ha una. Le corse sono economiche e le connessioni frequenti soprattutto a Bohol, Cebu e Palawan.

Jeepney in coda visti da un jeepney in coda a Cebu. Il traffico qui è un problema

Il periodo migliore per visitare le Filippine

Ogni isola ha la sua stagionalità. In qualunque periodo dell’anno le Filippine hanno molto da offrire. Da evitare i periodi di pioggia che creano spesso disagi e alluvioni. A Bohol la stagione delle piogge intense inizia a giugno ad esempio. A El Nido maggio è il mese suggerito, ma io ho vissuto un temporale pomeridiano molto deciso.

Casette per ripararsi dalla pioggia, attendere i jeepney, fare riunioni di quartiere

Cosa si mangia nelle Filippine

Mai lo avrei detto prima: nelle Filippine pollo e maiale sono le carni principalmente consumate. Una ricetta su tutte il chicken adobo. A ogni angolo si trovano griglie sulle quali vengono cucinati spiedini di pollo o maiale, i fast food locali mostrano polli arrosto in vetrina, il maiale alla griglia è croccante e succulento.

Nei ristorantini locali, allestiti lungo la strada dalle signore che presentano il cibo nelle proprie pentole offrono noodles, riso, pesce alla griglia, sea grass, bamboo stufato, interiora di pollo e chi più ne ha…

Consumate il cibo con una birra San Miguel o una Stallion e completate il pasto con la frutta tropicale o un goloso fruit shake.

Alona Beach. Con un mare così e una San Miguel Lemon non ci mancava niente

Come funziona il telefono e internet nelle Filippine

Al T1 dell’aeroporto di NAIA a Manila ci sono molti banchi che regalano SIM card. Con pochi euro si ricaricano Giga per internet o dati più chiamate. Le maggiori compagnie telefoniche mobili sono Smart e Globe. Io ho scelto Globe e per 15 giorni ho acquistato un Giga di internet, confidando poi sul wifi degli ostelli e delle guesthouse.

Purtroppo nè i wifi nè i dati mobili sono sempre funzionanti. La connessione debole è la normalità e l’isolamento forzato a volte una benedizione.

La campagna infinita interrotta solo da qualche casetta di agricoltori è uno dei panorami più belli delle FIlippine

Come e quando trattare i prezzi

In generale sempre. Essendo turisti, ci vengono spesso proposti prezzi fuori da ogni logica filippina. Questo mi è capitato soprattutto per i trasporti e i massaggi in spiaggia, mentre non ho mai avuto problemi con il cibo, le bevante, gli store lungo la strada e i massaggi nei centri.

Quanto è il caso di trattare si capisce con l’esperienza di viaggio. Chiedendo alla reception degli hotel si ottengono buone indicazioni alle quali attenersi per trattare con i driver.

Le signore in spiaggia, invece, sono riuscite a scendere della metà rispetto al primo prezzo offerto per un total body. Si tratta comunque sempre di cifre contenute e piccoli risparmi, quindi non esagerate mai.

Sul fiume Loboc ho fatto la mia prima lezione di SUP e non avrei più smesso di pagaiare

8 comments

  1. Non hai lasciato un tragitto consigliato qualcosa da cui partire per una prima alle Filippine

    ma non male
    Se hai altri suggerimenti aggiungili servono sempre

    • Ciao Mimino, effettivamente non l’ho fatto ma non era l’intento del post. In ogni caso ti lascio due dritte qui e fammi sapere se sei in partenza per le filippine!!
      Credo che Luzon vada esplorata dalle risaie del nord ai laghi vulcanici e alle spiagge del sud. Luzon è l’isola di Manila, per intenderci. Questa è l’isola imperdibile specialmente per chi si avvicina all’asia per la prima volta: è una bella introduzione del continente sud-est asiatico. Poi per chi cercasse feste ibizeñe imperdibile è Boracay. Per chi ama la natura Bohol e Palawan nord (El Nido). Ecco questo potrebbe essere un tour di un paio di settimane: 6 giorni a Luzon, 3 a Bohol, 4 a El Nido con il tour di Coron Coron.
      Spero possa essere di buon auspicio per un tuo viaggio!!! 🙂

      • sono in cerca di posti per fare 2 settimane quando trovo il tempo pensavo al vietnam anche se sempre o quasi mi giro sud america o centro america ma per cambiare pensavo asia si vedra^se a te viene idea di andare in sud america alcune nazioni le conosco bene se ti servono dritte

  2. ciao federica
    grazioe dei tuoi consigli
    io sono in partenza per le filippine mi potresti consigliare
    tra: bohol palawan e boracay cosa devo fare assolutamente?
    i voli interni conviene prenotarli prima di partire secondo te?

    Grazie

    • Ciao Letizia! I voli li puoi prendere una volta lì e tra un’isola e l’altra magari ti trovi anche a valutare i traghetti o le fast boat. Non perdere Bohol e Palawan (atterra a El Nido direttamente se puoi così eviti la traversata dell’isola in pullmino, poi dipende da quanto tempo hai). 🙂

  3. Ciao Federica, sto progettando un viaggio di circa 20 gg nelle FIlippine, di cui 6 saranno tra El Nido e Coron da Manila, 3 a Borocay (ma merita veramente?), poi volevo fare tappa a Cebu e Bohol muovendomi via traghetto…quanti giorni servirebbero per entrambe? Inoltre non capisco come arrivare in luoghi meno classici, come Leyte o Romblon. Le informazioni reperibili su internet sono spesso poco chiare. Ogni volta si deve fare scalo a Manila? Qualsiasi consiglio è ben accetto.
    Grazie mille!

    • Ciao Alessandra, che bello pensare a 20 gg nelle Filippine!! Borocay immaginala come Ibiza… piena di occidentali e caotica, ma magari dipende dal periodo… non saprei.
      Cebu sinceramente mi ha un po’ deluso e se penso ai ricordi, Kawasan Falls a parte, la eviterei ma hai 20 giorni quindi se riesci a inserirla fai bene a farlo e magari a te farà una impressione diversa.
      6 tra el nido e coron sono doverosi!!! 😉
      A Bohol-Panglao dedica almeno due giorni e mezzo – Bohol è stupenda mentre su Leyte e Romblon non so nulla mi spiace. Fammi sapere se trovi tu risposte su queste due isole: si sa mai che ci ritorni perchè ero rimasta super affascinata dalle FIlippine!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *